Amiu-Iren: la voce dei lavoratori

Genova – Questo secondo capitolo sulla vicenda dell’aggregazione Amiu-Iren Ambiente, non è motivato solo dalla necessità di completare e aggiornare la notizia, ma anche dalla complessità della vicenda che sta spaccando il Consiglio Comunale tra favorevoli e contrari e continua a far slittare la data di votazione della delibera.

Abbiamo deciso di porci delle domande cominciando dai lavoratori di Amiu.

Accordo di luglio 2016

Nella proposta di delibera, a pagina 3 – VI, si legge: ”le Parti convengono […] confermare gli attuali livelli occupazionali avuto specifico riguardo per la normativa e per i contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti, ricercando, in coerenza con e in funzione degli obiettivi del Piano Industriale Ottimizzato, soluzioni di miglioramento organizzativo, nonché di stabilizzazione delle situazioni di precariato”.

Ma si può considerare apporto valoriale l’assunzione di personale precario già prevista dall’accordo di luglio 2016?

Ricercare “soluzioni di miglioramento organizzativo” significa licenziamenti? Oppure trasferimenti?

Proposta di Delibera Aggregazione Amiu-Iren

In effetti, a pagina 19, la proposta continua così: ”le Parti convengono che l’operazione dovrà assicurare la conservazione dell’identità aziendale di Amiu […] fatta salva la necessità di attuare una centralizzazione delle funzioni di staff, al fine di assicurare una migliore valorizzazione delle stesse, in coerenza con il modello organizzativo di Iren (avuto altresì riguardo per i contratti di servizio intercompany in essere tra le società del Gruppo Iren, i quali dovranno essere definiti anche con riguardo ad Amiu) sia con l’ottimale utilizzo delle competenze e risorse esistenti in Iren, e fermo restando che eventuali modifiche dell’attuale sede di lavoro saranno convenute su base volontaria”.

Significa che la testa dell’azienda lascerà Genova?

Insomma, ancora una volta sono a rischio i diritti dei lavoratori?

Purtroppo non possiamo farvi ascoltare la voce dei lavoratori Amiu perché non siamo riusciti a raggiungere un accordo neppure per la pubblicazione della sola traccia audio. Si tratta di un problema di mancanza di tutela che è un triste sintomo dei tempi.

Simona Tarzia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*