Alice Salvatore e l’amnesia di gruppo del partito unico

Genova – Una chiacchierata a tutto tondo con Alice Salvatore, portavoce del M5S in Regione Liguria, su dissesto idrogeologico, reddito di cittadinanza, polo tecnologico di Erzelli e sul lavoro della giunta di Giovanni Toti.
Nonostante la spaccatura determinata nel Movimento dalla fuoriuscita di Paolo Putti che ha fondato Effetto Genova, ribattezzato da Beppe Grillo “effetto carega”, il morale della giovane pentastellata è alto e si aspetta molto da queste amministrative.

Alice Salvatore

Non risparmia le critiche al Presidente Toti per aver sperperato 26 milioni di euro per l’acquisto “della reggia” di Piazza de Ferrari, soldi che, secondo la Salvatore, potevano essere usati per aiutare i cittadini in difficoltà grazie al reddito di cittadinanza o per sostenere importanti aziende come la Agnesi di Imperia che invece ha chiuso i battenti.

La sua è una bocciatura netta e questo ci aspettavamo, in tutta franchezza.

Il dissesto idrogeologico è un cavallo di battaglia del Movimento.
L’attenzione si concentra sull’area ex Boero di Via Geirato e i parcheggi interrati vicino agli argini del Bisagno costruiti con una sospetta alchimia amministrativa che ha trasformato una zona rossa, ad alto rischio esondabilità, in zona edificabile.

Sul Polo di Erzelli, Alice Salvatore nutre forti sospetti che l’area sia franabile e diventi realmente pericolosa se saranno portate a termine le opere edilizie previste. Certo è che, con oltre 1 milione e mezzo di metri cubi, siamo di fronte alla più grande movimentazione di terra nella storia della città.
Non solo.
I portavoce del Movimento hanno presentato un’interrogazione regionale perché non risulterebbero le certificazioni ufficiali dell’avvenuta bonifica della collina, affidata a Genova High Tech SpA (Ght).

Insomma, un fiume in piena che sembra non risentire dei passi falsi della giunta Raggi a Roma e del recente abbandono del capogruppo in Consiglio Comunale.

Tra pochi giorni, il 17 febbraio secondo quanto annunciato da Beppe Grillo sul suo blog, dalle “graticole” uscirà il candidato Sindaco del Movimento e a quel punto sarà necessario che le altre forze politiche si diano una svegliata perché la sensazione è che il M5S sarà l’avversario da battere e servirà a poco pronunciare la minacciosa quanto abusata parola “populismo”.

fp