Amministrative genovesi, Cassimatis: “La rete non è sovrana”

Genova – Le vicende genovesi dimostrano che Gianroberto Casaleggio si sbagliava. La rete non è sovrana, il sovrano è BeppeDio.
“Questo fatto è stato molto grave – dichiara Marika Cassimatis, la vincitrice delle Comunarie del M5S, scomunicata da Grillo – per questo motivo noi portiamo avanti una battaglia che non è legata soltanto alle nostre persone ma è una battaglia per fare chiarezza su qual è il messaggio. Cos’è oggi il Movimento 5 Stelle se disconosce quello che era un punto fondante, cioè la democrazia dal basso che si esprime attraverso il portale, il blog e le votazioni on line?”.

Sta portando avanti la procedura di ricorso al TAR, l’ex candidata sindaca del Movimento, per chiedere la sospensiva della Lista Pirondini e la riabilitazione della Lista Cassimatis. “Difficile prevedere come andrà a finire questa battaglia – continua – Al Movimento chiedo trasparenza, chiarezza e la presentazione della documentazione di cui si è parlato nel post di Beppe Grillo, del 17 marzo”.
I documenti sono quelli che dovrebbero dimostrare i suoi comportamenti che avrebbero “ripetutamente e continuativamente danneggiato l’immagine del Movimento 5 Stelle”. Così si legge sul Blog.
“Ma – puntualizza – in 10 giorni non abbiamo ricevuto nessuna risposta. Speriamo che arrivi”.

Il post di Beppe Grillo, pubblicato il 17 marzo

Poi sulle linee guida del programma di Pirondini precisa: “Noi portavamo avanti con forza e determinazione tutti i principi della Carta di Firenze. Ora ci viene il sospetto che poi, tutto sommato, forse il cemento potrebbe anche andare. Invece no. Per quanto ci riguarda, era un no deciso. Un NO gronda, NO TAV“.

Simona Tarzia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*