Al Festival della Comunicazione Veltroni si disconnette

Camogli – Le connessioni. Questo il fil rouge della quarta edizione del Festival della Comunicazione, iniziato ieri a Camogli.

“Essere connessi è molto più che lo slogan del nostro ipertecnologico secolo” recita la brochure che ci viene consegnata al momento dell’accredito in sala stampa e che prosegue così: “Le connessioni sono legate alla natura umana e coinvolgono le società, la storia, i sistemi economici e di governo, le nostre abitudini, le nostre identità, il nostro pensiero”.

Tanti gli ospiti di oggi. Seguitissimo l’intervento di Walter Veltroni, fondatore del Partito Democratico ed ex Sindaco di Roma, che in piazza Battistone pontifica sulle “Connessioni tra politica, cultura e società civile”.
La chicca che fa andare in visibilio il pubblico, però, parla di sentimenti: “Oggi le connessioni passano troppo attraverso le fibre e troppo poco attraverso il cuore”.

Già. Il cuore. Con queste premesse speriamo in una bella intervista che ci spieghi come la Sinistra, finalmente, possa recuperare il suo elettorato.
Invece, quando lo avviciniamo, Veltroni si rifiuta di rispondere, fa una foto con un amico e scappa via.

“Senza connessioni non c’è conoscenza”.  Uno slogan che mi rimbomba nella testa insieme a una canzone di Mina: “Parole, parole, parole”…

Simona Tarzia

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.