ILVA: ecco la lettera dei tagli di AM IvestCo

Genova – Operai e sindacati in rivolta contro gli esuberi ILVA previsti dalla nuova proprietà. Restano senza lavoro 4.000 persone, 599 solo nello stabilimento di Cornigliano.
In attesa degli sviluppi di domani, quando entreranno in sciopero i lavoratori di Genova, Taranto e Novi Ligure, pubblichiamo la lettera che Arcelor Mittal-Gruppo Marcegaglia ha inviato nei giorni scorsi ai sindacati e al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE).
Si tratta della bozza che contiene i dettagli del piano industriale e di quello della forza lavoro che la società intende mettere in atto.
Piano che, per quanto riguarda Genova, non è  coerente con l’accordo di programma siglato nel 2005 da ILVA, Governo, Regione, Comune e sigle sindacali, che prevedeva già le linee guida per il futuro dello stabilimento e dei lavoratori e che ha imposto grossi sacrifici con la chiusura dell’impianto a caldo.

IL TESTO DELLA LETTERA CHE FORMALIZZA L’AVVIO DELLA PROCEDURA EX ART.47 DELLA LEGGE DI CESSIONE D’AZIENDA (legge n. 428/1990):


Simona Tarzia