Mi ricordo… di Paolo De Totero

Mi ricordo. Poesia foodurista di Paolo De Totero
Mi ricordo il Cinquantatré,
Biberon e latte Nestle’
Mi ricordo il Sessantotto
Prosciutto crudo prosciutto cotto
Mi ricordo il Settanatre’
Con il mate e il Karkade’
Mi ricordo gli anni Ottanta
Polverine, bollicine e sacripante
Non mi sfugge poi il Novanta
Sugo rosso come un mantra
Mi ricordo il Novantadue
12 ottobre, pesto e carne di bue
Venne poi il Novantacinque
Con funghi avvelenati per chi delinque
Cambio’ il millennio con il Duemila
Patatine e qualche sorso di Tequila
Venne poi il Duemiladieci
Torno all’antico Con la minestra di pasta e ceci
Torno  nel duemiladiciassette, mi ricordo
Di metter nel forno il pane a fette.
CONDIVIDI

Quarantacinque anni di professione come praticante, giornalista, vicecapocronista, capocronista e caporedattore. Una vita professionale intensa passata tra L’Eco di Genova, Il Lavoro, Il Corriere Mercantile e La Gazzetta del Lunedì. Mattatore della trasmissione TV “Sgarbi per voi” con Vittorio Sgarbi e testimone del giornalismo che fu negli anni precedenti alla rivoluzione tecnologica, oggi Paolo De Totero è il direttore del nostro giornale digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *