Multedo dice NO

Genova – Appuntamento alle 19.00 per la fiaccolata contro l’insediamento di 50 (o 25, cosa conta?) migranti nell’ ex asilo Govone delle Suore della Neve. Ad aspettare i sostenitori del No un gruppo agguerrito di lavoratori iscritti alla Fiom. Un po’ di tensioni, qualche insulto all’Assessore alla Sicurezza Garassino, soprattutto in merito  alla promessa di calci nel sedere a eventuali migranti scovati a chiedere l’elemosina.

Al netto dei risvolti palesemente politici della questione, ci chiediamo se non sarebbe il caso di smettere di usare dei poveracci come merce per fare campagna elettorale.  E siamo certi che le responsabilità siano distribuite su tutti gli schieramenti in campo. L’altra domanda è:  perché fare scelte palesemente scellerate sempre sulla pelle di poveracci che inevitabilmente raccolgono l’odio dei cittadini già vessati da una classe dirigente inappropriata?  E i cittadini di Multedo? Diciamo che ormai sono parte attiva di quella sterzata a destra che in tutta Europa sta prendendo il potere. Così è se vi pare.

Nel video troverete l’intervista a Bruno Manganaro della Fiom e all’Assessore Garassino. E poi la fiaccolata e le contestazioni.

fp

[vc_video link=”https://youtu.be/d7iCoUAOgQ8″]

Potrebbe interessarti anche:

https://fivedabliu.it/2017/10/06/migranti-a-multedo-tra-accoglienza-e-calci-in-culo/

CONDIVIDI
Fabio Palli

Spirito libero con un pessimo carattere. Fotoreporter in teatro operativo, ho lavorato nella ex Jugoslavia, in Libano e nella Striscia di Gaza. Mi occupo di inchieste sulle mafie e di geopolitica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *