ILVA occupata: la FIOM chiede un tavolo sull’Accordo di Programma di Genova

Genova – “L’RSU, con i lavoratori, ha deciso uno sciopero a oltranza con occupazione della fabbrica finché non ci verrà dato un tavolo specifico sull’accordo di programma di Genova che è la sintesi, giuridicamente esigibile, con la quale la città e la politica scambiarono la chiusura dell’alto forno con alcune garanzie per i lavoratori. Tra queste, venne assicurata l’occupazione a 2.200 persone. Se qualcuno arriva oggi e quei 2.200 li fa diventare 900, va rivisto tutto il meccanismo, anche quello delle concessioni aree“.

Ci va giù duro Armando Palombo, FIOM-CGIL, che non ci sta a piegarsi all’arroganza di ArcelorMittal e Gruppo Marcegaglia, che a giugno si sono aggiudicati le fabbriche dei Riva ed ora vorrebbero procedere con gli esuberi.
600 solo a Genova.
La linea della FIOM è chiara e, infatti, Palombo continua: “Non accetteremo focus o tavoli tecnici presso il Ministero, in maniera parallela a una vertenza che è nazionale e, permettetemi, particolarmente tarantina”.

Quindi, in risposta al segretario della FIM-CISL Ligure, Alessandro Vella, che ha definito l’occupazione della fabbrica come una “modalità inutile e dannosa a pochi giorni dalla ripresa della trattativa con la nuova proprietà”, promette: “Noi andiamo avanti, indipendentemente da quello che dica chicchessia”.

Simona Tarzia