“In malafede o coglioni”. L’Assessore Garassino contro chi critica la schedatura migranti

GenovaStefano Garassino, Assessore alla Sicurezza del Comune di Genova, continua la sua campagna di “pulizia” del Centro Storico forte dell’appoggio dell’intera Giunta comunale.
Nel lungo e interessante intervento di oggi, al Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi, l’Assessore parla di come la legge Bersani abbia modificato e rovinato il commercio, dei migranti e della “solidarietà a pagamento che non mi piace, non riesco a pensare sempre bene”.
Poi, a chi lo critica per aver schedato chi chiede l’elemosina, risponde risoluto: “Io ricevo decine di mail contro l’accattonaggio molesto e ho il dovere di intervenire. Una volta finito il programma, e parlo dei richiedenti asilo, saranno la manodopera dell’illegalità. Chi dice il contrario o sono persone in malafede o sono dei coglioni (al minuto 7:25 dell’intervento).
Una visione a tutto tondo di un mondo che si vorrebbe senza sbavature.

CONDIVIDI

One thought on ““In malafede o coglioni”. L’Assessore Garassino contro chi critica la schedatura migranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.