“Lei è o non è antifascista?”. Così Crivello incalza il Sindaco Bucci

Genova – “Lei è o non è antifascista?”.
Così Gianni Crivello incalza il Sindaco Bucci che evita di prendere una posizione netta sui rigurgiti genovesi di violenza fascista, e poi rincara la dose definendo “imbarazzante e preoccupante” che la maggioranza abbia presentato una contromozione sui valori della Costituzione, anch’essa iscritta oggi all’ordine del giorno, per cercare di annacquare i connotati antifascisti della mozione a firma PD e Lista Crivello.
Dopo l’intervento in aula di Alessandro Terrile, infatti, il Sindaco ha fatto una proposta operativa di modifica per unire le mozioni e giungere a un testo condiviso che si estenda a tutti i tipi di violenza, opacizzando però la natura stessa della mozione, incentrata sui valori della Resistenza e dell’antifascismo.
La minoranza e il pubblico, presente numeroso in Sala Rossa, non hanno preso bene il fatto che si volesse epurare la parola “antifascismo” e quando la folla ha cominciato a cantare “Bella ciao” in segno di protesta, il Presidente del Consiglio Comunale, Alessio Piana, ha sospeso la seduta.
Ora siamo  in attesa di capire come finirà.

st

LEGGI ANCHE GLI ALTRI ARTICOLI SULLA SEDUTA DI OGGI:

IL PD AL SINDACO BUCCI: “GUAI SE LE ISTITUZIONI RINNEGHERANNO I VALORI DELL’ANTIFASCISMO”
PER LA MOZIONE DEL PD SULL’ANTIFASCISMO SCOMODATA ANCHE GIORGIA MELONI
MANCA IL NUMERO LEGALE, LA RESISTENZA È SOSPESA

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.