Manca il numero legale, la Resistenza è sospesa

Genova – Ripresi i lavori del Consiglio Comunale, la Sala Rossa è semi deserta e Cristina Lodi, capogruppo PD, chiede la verifica del numero legale tramite appello. Il risultato parla chiaro: solo 17 presenti. E non c’è nemmeno il Sindaco Bucci.
La seduta è sospesa mentre il pubblico infastidito urla: “Vergogna, vergogna, eccolo i il Sindaco di tutti”.

Sugli spalti anche Massimo Bisca, Presidente dell’ANPI Provinciale, che ribadisce lo sconcerto nei confronti di chi ha abbandonato l’aula, compromettendo la votazione: “È desolante. Pensavo che almeno il rispetto per la carica che si ricopre fosse insito a tutti, anche se espressione di altre maggioranze. Invece manca anche il coraggio morale di stare lì a votare esplicitamente“.

E così salta la mozione sull’antifascismo.

st

LEGGI ANCHE GLI ALTRI ARTICOLI SULLA SEDUTA DI OGGI:

IL PD AL SINDACO BUCCI: “GUAI SE LE ISTITUZIONI RINNEGHERANNO I VALORI DELL’ANTIFASCISMO”
“LEI È O NON È ANTIFASCISTA?”. COSÌ CRIVELLO INCALZA IL SINDACO BUCCI
PER LA MOZIONE DEL PD SULL’ANTIFASCISMO SCOMODATA ANCHE GIORGIA MELONI