Sindaco Bucci: “Sono contro ogni violenza, anche verbale”

“Se ne avessi avuto l’occasione sarei stato con Bisagno”, con queste  parole il Sindaco Bucci ha cercato di avvicinarsi all’Anpi e ai valori antifascisti che esprime. Con poco successo visti i risultati.
Nel suo discorso durato una decina di minuti ha sottolineato il suo disagio nel vivere in consiglio comunale un clima teso e poco conciliante: “Ho una piccola sensazione di disagio, la vedete no? Ce l’ho punto e basta” e, apostrofato dal pubblico, ha continuato: “Signori chi è che parla? Qualcuno vuol venire a parlare qui invece di parlare lì?” 

Non ha potuto negare che in città si vive un clima teso e di forti contrapposizioni, non solo fisiche come quelle recenti dove un antagonista è stato ferito da un colpo di coltello inferto da un appartenente a CasaPound (pare ci siano le immagini delle telecamere), ma anche verbali, facendo forse riferimento al suo Assessore alla sicurezza che ultimamente si è espresso con frasi poco istituzionali.

In conclusione il Sindaco ha invitato a sostituire l’ultima parte della mozione inserendo la condanna a “tutti i tipi di violenza” garantendo così una convergenza sulla mozione. 
Sugli “spalti” le tifoserie rigorosamente separate con il vecchio e un po’ stantio schema Sinistra-Destra non hanno trovato convergenza neanche quando alcuni hanno deciso di intonare l’Inno nazionale.  
Di seguito l’intervento del Sindaco Marco Bucci.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.