Per la mozione del PD sull’antifascismo scomodata anche Giorgia Meloni

Genova – Poteva andare diversamente, anzi doveva andare diversamente. Il Sindaco Marco Bucci incassa la prima sconfitta (ai punti) dal suo insediamento. Cade sull’antifascismo, concetto per molti astratto, per alcuni dimenticato e per altri abusato, ma che rappresenta, per molti italiani, la liberazione dai nazi-fascisti. Sull’antifascismo e i suoi fantasmi era caduto, alle Amministrative del 2017 Gianni Crivello, accusato di averlo  utilizzato per tenere sotto traccia un programma debole e troppo in continuità con l’amministrazione di Marco Doria.  Oggi è toccato a Marco Bucci inciampare su una mozione dove la parola antifascismo fa a pugni con la presenza di alcuni esponenti della Destra  che, tutto sommato, vedono CasaPound e le altre formazioni della destra estrema come una possibile stampella elettorale. L’ex Sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi, ora nel gruppo di minoranza “Noi di Chiavari” ha evitato l’ostacolo appoggiando una mozione simile a quella portata oggi in aula dal PD perché, alla fine, quello che conta è governare.

Di seguito le interviste a Alessio Piana Presidente del Consiglio comunale e esponente della Lega Nord, Massimo Bisca, Presidente Provinciale dell’ANPI, Alessandro Terrile, Consigliere del PD e Gianni Crivello dell’omonima lista.

fp

Piana: "Sembra impossibile arrivare a un testo condiviso"

Bisca (ANPI): "Si vede che sono allergici alla parola antifascismo"

Terrile: "Scomodata Giorgia meloni"

Crivello: "Un fatto politico grave"

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.