Bucci conferma il no al patrocinio: “Una parte di genovesi si lamenta del Pride e lo ritiene offensivo”

Genova – Dopo le polemiche di questi giorni sul negato patrocinio al Pride del 16 giugno, oggi il Sindaco Bucci ha incontrato a Palazzo Tursi gli organizzatori, con i quali ha giustificato la decisione del Comune sulla base di presunti feedback negativi sui social.
“Non c’è nessuna discriminazione, ognuno è libero di fare quello che vuole in città”,
ha detto il Sindaco lamentandosi del fatto che nessuno dei media abbia riportato la sua frase: “La libertà di ciascuno finisce dove comincia la libertà degli altri”, e rafforzando il concetto col racconto delle lamentele di “una parte dei genovesi” che sembra “ritenere offensive queste cose”.
Poi il Sindaco si spinge oltre: “Le offese alla religione e alle altre persone non sono tollerabili, cioè no, non tollerabili, ho detto una frase sbagliata. Non sono viste bene dalla popolazione”.

Ascoltate le sue dichiarazioni.

st

Potrebbe interessarti anche:

Niente patrocinio a Gay Pride e Colorata Cena, le associazioni: “Sbagliato basarsi sui feedback negativi in rete”

Liguria Pride 2018, Cecilia Strada: “Divisivo il Pride? Non c’è niente che unisca più dei diritti”