Nigeria: più di mille bambini rapiti da Boko Haram. Questo il drammatico bilancio dell’UNICEF

A quattro anni dal rapimento della scuola di Chibok, l’UNICEF continua a chiedere il rilascio dei bambini e l’immediata fine degli attacchi alle scuole

Secondo l’UNICEF, dal 2013 più di 1.000 bambini sono stati rapiti da Boko Haram nel nord-est della Nigeria, comprese le 276 ragazze prese con la forza dalla loro scuola secondaria nella città di Chibok nel 2014.
A quattro anni da quel tragico episodio, più di 100 tra le Chibok girls devono ancora essere restituite alle loro famiglie e l’UNICEF continua a chiedere il loro rilascio.

Dall’inizio del conflitto nel nord-est della Nigeria, quasi nove anni fa, sono stati uccisi almeno 2.295 insegnanti e distrutte più di 1.400 scuole. La maggior parte di queste scuole non sono state riaperte a causa di gravi danni o di una persistente insicurezza.

“Il quarto anniversario del rapimento di Chibok ci ricorda che i bambini della Nigeria nordorientale continuano a subire attacchi di proporzioni scioccanti”, ha dichiarato il Rappresentante UNICEF in Nigeria Mohamed Malick Fall, “Sono costantemente presi di mira ed esposti a violenze brutali nelle loro case, nelle scuole e nei luoghi pubblici”.

Il recente attacco ad una scuola di Dapchi in cui cinque ragazze hanno perso la vita è solo l’ultimo segnale che ci sono pochi spazi sicuri per i bambini nel nord-est. Nemmeno le scuole sono risparmiate dalla violenza.

“Questi ripetuti attacchi contro i bambini nelle scuole sono immorali”, ha detto ancora Fall, lanciando un appello: “I bambini hanno diritto all’istruzione e alla protezione e l’aula scolastica deve essere un luogo sicuro”.

Le autorità nigeriane si sono impegnate a rendere le scuole più sicure e più resistenti agli attacchi e l’UNICEF è al loro fianco per attuare la Safe Schools Declaration, con la quale la Nigeria si impegna a proteggere le scuole e le università dalla violenza e dall’uso militare durante i conflitti armati.
L’UNICEF chiede che si ponga fine agli attacchi contro le scuole e a tutte le gravi violazioni dei diritti dei bambini.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.