Ci voleva il morto per stanziare 40.000 euro?

Genova – Incredibile ma vero: ci voleva il morto perché i Vigili del Fuoco di Genova potessero ottenere dal Ministero dell’Interno uno stanziamento di 40.000 Euro per l’acquisto di due cuscini soccorso alienati.
“Era dal 2016 – puntualizza Stefano Giordano, consigliere comunale del M5S e membro del Coordinamento Nazionale USB dei Vigili del Fuocoche l’USB aveva fatto richiesta per intraprendere un percorso a livello di investimento economico anche per i cuscini soccorso alienati”.
I soldi, però,  sono arrivati solo qualche giorno dopo il tragico suicidio del 9 aprile, quando un trentaquattrenne di nazionalità franco-tunisina si è ucciso gettandosi dal Ponte Monumentale (QUI il nostro articolo).

Una situazione, quella dei pompieri genovesi, che certamente non si risolve con questo stanziamento una tantum: A Genova c’è 1 soccorritore ogni 15.000 abitanti e l’età media è circa cinquant’anni.  – continua Giordano – Anche i mezzi hanno mediamente venticinque anni di età e non ci vuole una grande scienza della prevenzione per capire che i Vigili del Fuoco sono un elemento che è stato tagliato orizzontalmente, certo questo è accaduto anche ad altre parti del pubblico impiego, ma non dimentichiamo che i Vigili del Fuoco dovrebbero essere un’offerta di protezione da parte dello Stato per il cittadino“.

Simona Tarzia

Potrebbe interessarti anche:

Si uccide lanciandosi dal Ponte Monumentale