Lungomare Canepa: le soluzioni per eliminare i disagi ci sarebbero… basta volerle

Genova –  I limiti e le manchevolezze di un progetto come quello dei lavori di ampliamento di Lungomare Canepa, sono innegabili.

Come si può pensare, infatti, di attaccare alle case un muro alto un metro e settanta, senza una fascia di rispetto e senza le distanze previste per poter installare i pannelli fonoassorbenti?
È collaudabile una strada del genere?
È a misura d’uomo un muro a 50 centimetri dalle case che soffoca e opprime?
Ma soprattutto: ne valeva la pena visto che si tratta soltanto di 950 metri di strada che inevitabilmente si strozzerà all’altezza del Varco Etiopia, dove non è possibile la continuazione delle tre corsie per senso di marcia?

Alberto Moravia scriveva: “Quello che colpisce di più, oggi, è l’evidente sproporzione tra l’uomo moderno e il mondo al quale appartiene. Quest’uomo non è un uomo appunto perché il mondo nel quale vive non è fatto alla sua misura”.

Nel mondo moderno i cittadini sono uomini di pezza, come fantocci inseriti in un ingranaggio implacabile.
Ci negano le bonifiche
(guarda QUI).
Ci negano il lavoro ma si sa, sono i nostri giovani ad essere troppo choosy.
Ci negano perfino i morti per amianto
(leggi QUI).

Se siamo ancora in tempo per cambiare le cose in Lungomare Canepa, non lo sappiamo.
Quello che sappiamo è che si possono trovare delle soluzioni alternative che restituiscano almeno un po’ di dignità al quartiere e ai suoi abitanti.
Noi ve ne presentiamo una in un video che dura poco meno di quindici minuti. Ascoltatela.

Simona Tarzia

“Gli schizzi allegati alla proposta di variante”:

I nostri articoli su Lungomare Canepa: 

LUNGOMARE CANEPA: ECCO A VOI IL MURO DI BERLINO
LUNGOMARE CANEPA, LE SOLUZIONI DEL COMITATO. I CITTADINI VERRANNO ASCOLTATI?
LUNGOMARE CANEPA: IL SINDACO APRE ALLE MODIFICHE MA INTANTO I LAVORI NON SI FERMANO E SPUNTANO I PALI DELLA LUCE. ANZI NO.
LUNGOMARE CANEPA, LA LETTERA APERTA DEL COMITATO: “LE PROMESSE DI RIQUALIFICAZIONE NON VENGANO DISATTESE. FERMARE SUBITO IL CANTIERE”

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.