Barnaba, cose da tranviere: la lunga strada per il successo del…Tpl

Buongiorno, cari lettori e utenti, è esplosa a tradimento un’estate anticipata, conosciuta come l’estate di Euroflora, giunta appositamente per mettere a dura prova non solo la tenuta psicologica di noi tranvieri, ma anche la tenuta dell’intero sistema del nostro traballante trasporto pubblico. Così, un po’ per tirarci sù il morale e un po’ per esorcizzare i cattivi presagi, vi propongo, a guisa di ballo propiziatorio, il secondo appuntamento con decalogo  della rubrica  “Barnaba: Cose da tranviere!“, perché come cantano gli AC/DC“È lunga la strada per il successo, se vuoi far del buon… Tpl”.

‘Ridin’ down the highway
(Correre in autostrada)
Goin’ to a show 
(Andare ad uno spettacolo)
Stop in all the by-ways(
Fermarsi in tutte le stradine)
Playin’ rock ‘n’ roll (
Suonando rock n’roll)
Gettin’ robbed
(Venire derubati)
Gettin’ stoned
(Venire lapidati)
Gettin’ beat up
(Venire picchiati)
Broken boned
(Avere le ossa rotte)
Gettin’ had                              
(Essere posseduti)                                                                                                                              
Gettin’ took                               
(Essere presi)                                                                                                                               
I tell you folks                         
(Vi dico gente)                                                                                                                                         
It’s harder than it looks        
(È più dura di quanto sembri)    

Partiamo dunque a spron battuto con il secondo blocco di dieci casi tipici che capitano quasi matematicamente durante la giornata tipo del tranviere genovese (sempre rigorosamente ordinate in modo casuale, che tanto nessuna è peggio dell’altra)! Quindi tenetevi forte che si parte e come canterebbe “quel gran genio” di Battisti, che evidentemente deve aver avuto qualche amico in Atac, “Sì, viaggiare evitando le buche più dure, senza per questo cadere nelle tue paure, gentilmente senza fumo, con amore, dolcemente viaggiare, rallentare per poi accelerare con un ritmo fluente di vita, nel cuore gentilmente senza strappi al motore”.

  1. Se è vero che come utenti noi tranvieri viaggiamo gratis, sappiate che però come dipendenti sono anni che, politica e sindacati ce la fanno pagare, siglando accordi a perdere, sulla nostra pellaccia. Della serie “non è tutto oro ciò che luccica”, ti do un vantaggio in cambio dei tuoi diritti.
  2. Se ti chiedono: “Scusi alla fermata può suonare al bus davanti che cerco di prenderlo?” e tu ci provi, ma sai già che se il trasbordo non andrà a buon fine il tipo ti guarderà rancoroso perché, ovviamente, c’è un tacito accordo sovrannaturale tra te e il collega davanti, per farglielo apposta. Per la serie ‘Il grande complotto mentalista’ contro chi salta da un bus all’altro
  3. Se sai già, prima ancora di iniziare, che dovrai chiamare un paio di volte il Centro Operativo per qualche guasto e dovrai iniziare uno ‘scalo’ (ovvero lasciare il proprio bus rotto e prendere quello del collega davanti) infinito di vetture. E questo non perché siamo particolarmente dotati di capacità preveggenti o premonitrici (anche se spesso probabilmente li usiamo inconsapevolmente, con tutti gli incidenti che evitiamo), ma semplicemente perché siamo a conoscenza dell’ ‘Antica Profezia’ detta del ‘Parco mezzi fantasma’, ormai consapevoli del nostro gramo destino. In attesa che Giove Bucci ci doti dei bus elettrici…
  4. Non puoi definirti tranviere se non hai rischiato almeno una volta una parte del tuo corpo scontrando contro parti pericolosissime di quello che dovrebbe essere il tuo sicurissimo posto di lavoro, ovvero l’abitacolo del bus, o come lo chiamiamo noi, il posto guida (ad esempio lo scalpo contro il parasole o l’indice nella chiusura della porta divisoria). Niente male se consideriamo che per legge non è quello il nostro posto di lavoro, ma che risultiamo impiegati nelle nostre rimesse di appartenenza. Cose che possono accadere solo nel nostro incredibile lavoro. Evidentemente guidare un bus è più una sorta di proiezione astrale. E qua, ora che ci penso, ci uscirebbe un bell’articolo monotematico…
  5. Se quando ti senti chiedere: “Buongiorno, mi scusi, un’informazione…?”, ti sale un brivido freddo lungo la schiena e sai già che ti sentirai catapultato in un film demenziale anni ’80 (Tipo ‘La pallottola spuntata’ o ‘L’aereo più pazzo del mondo’). “Ma se scendo alla fermata del Ponte Monumentale, riesco ad andare dalla ‘Expert’ per comprarmi la lavatrice nuova in tempo per prendere il bus dopo di lei?”, “Ho timbrato il biglietto 90 minuti fa, che dice, ci riesco ad arrivare a casa?”… Potrei andare avanti a lungo, giuro.
  6. Quando il controllore di rimessa ti vede passare e dal suo ufficio ti grida: “C’è posta per te!” e tu sai già che l’azienda non ti ha inviato una lettera di felicitazioni (che tanto non ne sono capaci, a meno che tu non abbia sconfitto con la sola forza dell’ironia l’Idra di Lerna).
  7. Quando tiri dritto ad una fermata e poi senti urlare: “Guardi che ho suonato”, ma non si è accesa nessuna spia, nessuna luce lampeggiante, né hai sentito il ‘bling’ dell’avvisatore acustico e capisci che qualcuno sta barando. A quel punto devi decidere se andare allo scontro e rischiare di ricevere una delle succitate lettere (vedi punto 6), o fare la parte del coglione e farti gioiosamente prendere per i fondelli.
  8. Quando al capolinea hai un bus davanti e uno dietro e ti senti chiedere: “Scusi parte prima lei?”. E tu vorresti rispondere: “Ovvio, si tenga forte Capitano Kirk, pronti per il salto nell’iperspazio!”, ma poi opti per un più diplomatico: “Guardi è probabile che parta prima quello che abbiamo davanti”, e comunque senti che qualcosa dentro di te si è irrimediabilmente rotto.
  9. Quando al bar stai per bere il caffè e nonostante la divisa ti senti chiedere. “Mi scusi è lei l’autista del bus?” e tu vorresti rispondere di no, che in realtà il vero autista è quello dietro il bancone e che vi state divertendo un sacco a confondere le acque, ma poi decidi che non avresti comunque la forza di ribattere ad una eventuale contro-risposta piccata e/o sarcastica e lasci che sia la tua espressione a fare il lavoro sporco.
  10. Quando devi farti capire in contemporanea da un tedesco, uno spagnolo, un giapponese e un quatariota, allora una volta tanto ringrazi il cielo di essere italiano e quindi campione del mondo di gestualità e tra una rotazione centrifuga del braccio destro, una centripeta del sinistro, una alzata di spalle vettoriale e uno sguardo galileiano, crei una nuova branca della fisica come linguaggio universale da applicare alle indicazioni ai turisti.

Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti non è puramente casuale.

Nel frattempo un abbraccio a tutti Voi  dal Vostro autista Barnaba                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

 

  
       

                                                                                                              

                       

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*