Privatizzazione delle farmacie comunali: scattano sciopero e presidi

Genova“Salvaguardare la missione sociale contro ogni logica di business e salvaguardare i 40 posti di lavoro a rischio”. 

È la parola d’ordine di questa giornata di sciopero per tutte le otto farmacie comunali genovesi, che protestano contro la privatizzazione annunciata in più occasioni dal Sindaco Bucci.
I lavoratori, che ritengono auspicabile continuare il percorso di valorizzazione intrapreso in questi anni per accrescere il ruolo sociale delle farmacie sul territorio, hanno preso parte a due presidi: uno questa mattina all’ingresso di Euroflora e uno questo pomeriggio davanti a Palazzo Tursi, in concomitanza con la seduta del Consiglio Comunale.

Simona Tarzia
[vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=lAzYSoUgytc”]

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.

One thought on “Privatizzazione delle farmacie comunali: scattano sciopero e presidi

  1. Un bene comune presente nel società
    Un servizio fondamentali .
    Per devono vedere cos’è che apetene al
    Società???anzi devo fare altre modifiche
    Che allegare le orizzonti aprire altri farmaci nel altri Posti dov’è non esiste.
    Servizio pubblico non si tocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.