Lungomare Canepa, la Regione si impegna a risolvere le criticità. Il Comitato: “Soddisfatti ma non abbassiamo la guardia”

Genova – È arrivata ieri una prima e importante vittoria del Comitato Lungomare Canepa che, in Consiglio Regionale, ha ottenuto dalle istituzioni locali un sostegno all’unanimità per far fronte alle difficoltà che i lavori di ampliamento della strada di scorrimento a mare causano ai residenti.

L’impegno di Regione Liguria è stato formalizzato dall’approvazione della mozione del consigliere Claudio Muzio (FI) che impegna la Giunta a mettere in campo, presso le sedi istituzionali e i soggetti coinvolti, come ANAS e Sviluppo Genova, le forze necessarie per ottenere un’adeguata fascia di rispetto lungo l’intero confine tra la strada e l’abitato, e per tutelare la salubrità dell’ambiente circostante attraverso barriere fonoassorbenti, aree verdi e piantumazione.
[vc_video link=”https://youtu.be/wThYImylPcc”]
La mozione è stata poi integrata con un emendamento proposto dal capogruppo PD, Giovanni Lunardon, che impegna la competente commissione consiliare a coinvolgere tutte le parti interessate alle modifiche del progetto, compreso il Comitato che, fino ad oggi, non era mai stato audito neppure in conferenza capigruppo.
[vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_video link=”https://youtu.be/XU50zUDkyOc”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_video link=”https://youtu.be/2x4wM4MOZRc”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]In relazione alle rimostranze dei residenti, poi, il Consiglio di ieri ha approvato all’unanimità anche un Ordine del giorno a firma Marco De Ferrari (M5S), che impegna la Giunta a promuovere ogni iniziativa possibile a valenza amministrativa per permettere una sostanziale revisione del progetto  che tenga conto di quanto prospettato nella lettera-petizione del Comitato Lungomare Canepa sottoscritta da 2 mila abitanti.

Nel documento si rileva che il Comitato aveva scritto ad Anas, Autorità Portuale di Sistema, Regione, Comune, Società per Cornigliano e Sviluppo Genova, chiedendo di sospendere, per gravi motivi ambientali, sanitari e di sicurezza sociale, il progetto della nuova infrastruttura stradale.
Sulla sospensione dei lavori il parere della Giunta è contrario.
Prima del voto, l’Assessore Regionale ai Lavori Pubblici, Infrastrutture e Viabilità, Giacomo Giampedrone (FI), ha espresso parere favorevole sulla mozione e sull’ordine del giorno, ma dopo aver ottenuto da De Ferrari la modifica dell’impegnativa nel punto in cui chiedeva la sospensione dei lavori.[vc_video link=”https://www.youtube.com/watch?v=EcdNeloMIkA&feature=youtu.be”][vc_video link=”https://youtu.be/TIqh92QTvs8″][/vc_column][/vc_row][vc_row]
Soddisfatto il Comitato che attraverso le parole della Presidente, Silvia Giardella, però avverte: “Noi non ci fermiamo qui. Il Comitato rimarrà in vita per controllare il territorio, per verificare con i nostri occhi e aiutare una Samperdarena che non ci sta più a farsi accomunare soltanto al degrado”.

Promettere fa guadagnare consenso, almeno a breve termine. Mantenere le promesse è più difficile.
Simona Tarzia

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *