Con un po’ di ritardo, anche in Italia si comincia a valorizzare la fotografia

La  Corte dei Conti ha registrato la direttiva del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Dario Franceschini, per lo sviluppo e la valorizzazione della Fotografia italiana attraverso un Piano Strategico di Sviluppo della durata quinquennale (2018-2022) con l’obiettivo di determinare nuove prospettive e opportunità per la fotografia a livello nazionale e internazionale. “E’ il primo passo per la creazione di una  struttura permanente che si occupi di conservazione del patrimonio fotografico e di valorizzazione della fotografia come parte rilevante dell’arte contemporanea e della creatività italiana” ha dichiarato il Ministro Franceschini.
In particolare, i settori di intervento del  Piano Strategico riguardano il patrimonio, la creazione contemporanea, l’educazione e la formazione, e sono volti a realizzare:

  • politiche per la costituzione, conservazione e valorizzazione del patrimonio fotografico esistente, anche attraverso il censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia e la creazione di una collezione digitale nazionale;
  • politiche per lo sviluppo e la diffusione della fotografia contemporanea e per la relativa valorizzazione e internazionalizzazione;
  • politiche educative e formative nel settore della fotografia – anche in collaborazione con il Ministero dell’Università e della ricerca – volte alla diffusione e alla conoscenza della cultura fotografica attraverso l’educazione all’immagine nelle scuole d’infanzia e dell’istruzione primaria, nonché a realizzare attività di alta formazione”.

La stesura del Piano strategico di sviluppo della fotografia ha coinvolto oltre quattrocento operatori del settore grazie ad un metodo aperto e partecipato con la nascita di una Cabina di regia per la Fotograhttps://fivedabliu.it/wp-admin/post.php?post=16479&action=trash&_wpnonce=ba91096ad7fia e gli Stati generali della Fotografia. Sulla scia di questi due primi appuntamenti, è stato avviato un iter che ha portato all’organizzazione di diversi incontri pubblici che hanno dato voce alle molteplici specificità delle realtà locali e hanno consentito di dibattere dei vari ambiti della fotografia.
Qui la versione integrale del Piano Strategico di Sviluppo della Fotografia in Italia: www.beniculturali.it/pianostrategicofotografiapdf

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.