Lungomare Canepa: tra inceretezze sulla variante e la giunta che non risponde in aula, il Comitato chiede un incontro col Sindaco

Genova – Alla luce di quanto accaduto ieri in Consiglio Comunale, e cioè un articolo 54 sulla situazione dei lavori e sugli atti formali adottati dall’Amministrazione che non è stato discusso perché  inserito al sedicesimo posto tra quelli in discussione prima della seduta del consiglio, e a fronte del perdurare delle negatività del cantiere e della sostanziale incertezza di variante progettuale, il Comitato Lungomare Canepa ha formalmente inoltrato richiesta di un incontro tra i vertici del Comitato e il Sindaco di Genova.

Ciò al fine di accertare la reale natura della variante promessa e della tempistica di realizzazione, atteso che la prosecuzione dell’attuale progetto porterebbe, già tra pochi giorni, il flusso veicolare a 20 cm dalle case in maniera definitiva. Ciò è inaccettabile per la tutela della salute pubblica, in particolare dei bambini i quali sarebbero i più colpiti dal quadro patologico connesso all’inquinamento da traffico veicolare.

Comitato Lungomare Canepa

 

Il testo dell’articolo 54 rivolto da Cristina Lodi (PD) all’Assessore  ai Lavori Pubblici e Manutenzioni, Paolo Fanghella:
“INFORMATIVA URGENTE SU LAVORI DI LUNGOMARE CANEPA.
ATTESA LA VOLONTA’ MANIFESTATA DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NELL’ULTIMA ASSEMBLEA PUBBLICA DI VOLER RISOLVERE LE CRITICITA’ DEL PROGETTO DI AMPLIAMENTO DI LUNGOMARE CANEPA, IN ASSECONDAMENTO DELLE RICHIESTE FORMULATE DAI COMITATI DI CITTADINI: QUALI SONO GLI ATTI FORMALI GIA’ ADOTTATI ALLO SCOPO, QUALI QUELLI PREVISTI E COME ESSI SI PROPONGONO DI INCIDERE REALMENTE SULL’ANDAMENTO CRONOLOGICO DEI LAVORI ESSENDO EVIDENTE CHE GLI STESSI STANNO PROCEDENDO”.

 

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.