Oltre 100 dosi di crack rinvenute in un appartamento di via Balbi.

La Polizia di Stato di Genova ha tratto in arresto un 20enne originario della Guinea, irregolare e senza fissa dimora, per il reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Nel pomeriggio di ieri, il personale della Sezione Criminalità Diffusa della Squadra Mobile, costantemente impegnato in attività antidroga nel centro storico cittadino, è intervenuto in vico Torre delle Vigne, presso un immobile fatiscente con ingresso sul piano strada, nel quale i residenti della zona avevano segnalato movimenti sospetti legati alla mescita abusiva di sostanze alcoliche in orari notturni. All’interno gli operatori notavano un pregiudicato originario della Guinea, noto per i suoi precedenti in materia di stupefacenti e procedevano al controllo.

L’uomo si mostrava fin da subito agitato, tentando di nascondere un mazzo di chiavi alla vista degli agenti i quali, una volta in possesso delle stesse, hanno appurato che aprivano un appartamento di via Balbi, presso il quale si sono recati immediatamente. All’interno hanno trovato un 20enne, anch’egli originario della Guinea, irregolare sul T.N. e senza fissa dimora, intento a confezionare dosi di crack. La perquisizione dell’immobile ha consentito il rinvenimento di oltre 100 dosi della stessa sostanza, materiale da confezionamento ed oltre 500 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio.

Al termine dell’intervento il giovane pusherè stato tratto in arresto per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, mentre il possessore delle chiavi è stato denunciato per il concorso nello stesso reato.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*