Qui!Ticket: il buono pasto è davvero buono?

Genova – Il buono pasto è una cosa seria, sostituisce la mensa ed è, per molti lavoratori, un diritto acquisito.

Utilizzato da almeno due milioni e mezzo di persone, genera un fatturato annuo di 2,7 miliardi di Euro.
Eppure sono mesi che l’azienda genovese Qui!Group, che nel 2016 si è aggiudicata l’appalto per la fornitura dei ticket alla pubblica amministrazione, non versa un soldo agli esercenti che, dunque, si sono visti costretti a rifiutare i buoni con grave disagio per i lavoratori.

Noi abbiamo contattato un commerciante che aspetta di incassare da Qui!Group una cifra considerevole e ci ha spiegato che il suo dramma si gioca tra la paura di chiudere il rapporto con l’azienda e non percepire più quanto gli è dovuto, oppure continuare ad accettare i ticket ma aumentare un credito che non sa se verrà mai onorato, o ancora: smettere di accettarli e perdere i clienti che di quei buoni fanno un sostegno per arrivare alla fine del mese.

Simona Tarzia

Su QUI!Group:

Qui!Ticket, SIAP denuncia: “La questura costretta a bloccare i buoni pasto ai poliziotti”

Fallimento Qui! Group, in arrivo 161 licenziamenti a Genova

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*