La famiglia del ventenne ucciso a Borzoli: “Non si tratta così neanche un animale. Chi ha sparato deve pagare”

GenovaLourdes Garcia, la madre di Jefferson Tomalà,  il ragazzo che domenica scorsa, a Borzoli, ha aggredito a coltellate due poliziotti durante un TSO restando ucciso, ripercorre i momenti tragici della vicenda che ha portato alla morte del figlio.
Dalla telefonata al 112 per chiedere un’ambulanza perché aveva paura che si ferisse con un coltello, all’arrivo dei poliziotti, allo spray al peperoncino spruzzato nella stanza dove il ventenne stava sdraiato a letto, fino agli spari.

“Ho sbagliato a chiamare. Volevo un’ambulanza. Non ho chiamato la polizia. Mio figlio era triste e depresso, ha colpito il poliziotto perché è stato provocato”,  e ancora: “Per fare il poliziotto devi fare un corso. Non si tratta così neanche un animale. Chi ha sparato deve pagare”.

Questo lo sfogo al termine della conferenza stampa di oggi, alla quale hanno partecipato anche Santiago Tomalà, il fratello del ventenne che era con lui nella stanza fino a un attimo prima degli spari – “Da fuori ho sentito le urla che dicevano no, no, no. Erano voci diverse, quattro o cinque voci che dicevano no. Poi gli spari” –  e la sua compagna, Angy Chavez.

Simona Tarzia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*