Giovanni Toti risponde al Sindaco Bucci: “Oggi il Comune non ha un apparato in grado di gestire l’edilizia ERP al posto di A.R.T.E.”

Genova – Dopo le esternazioni del Sindaco Bucci che lunedì scorso, in visita al Quartiere Diamante, ha dichiarato di voler cambiare il modello di gestione del patrimonio comunale di edilizia ERP perché “la gestione attraverso un’altra società non funzionerà mai. Il Comune deve avere la gestione diretta”, abbiamo chiesto quale sia la posizione della Regione al Governatore Toti, che non ha risparmiato una stoccata al Primo Cittadino: “Non abbiamo nessuna difficoltà a restituire una delle aree più critiche della città al Comune” e poi ha aggiunto: “Non credo fosse esattamente l’intenzione del Sindaco Bucci perché oggi il Comune non ha un apparato in grado di gestire al posto di A.R.T.E.“. Quindi ha concluso rimarcando che Regione e Comune proseguiranno a braccetto: “Continueremo a intervenire, in sinergia con il Comune”.
Tutto questo mentre il neo assessore alla casa, Pietro Piciocchi, sta già discutendo la nuova convenzione da stipulare con A.R.T.E.

Un nulla di fatto, dunque, per la prima proposta del Sindaco agli abitanti di Begato.
Vedremo a settembre se le promesse sull’abusivismo riuscirà a mantenerle.

Simona Tarzia
[vc_row][vc_column width=”1/2″][vc_video title=”Le parole del Sindaco davanti alla Diga Rossa” link=”https://www.youtube.com/watch?v=ha3uyUB4i_M”][/vc_column][vc_column width=”1/2″][vc_video title=”La risposta di Giovanni Toti” link=”https://www.youtube.com/watch?v=-ZNStJm3DQk”][/vc_column][/vc_row][vc_row]

Simona Tarzia e Fabio Palli hanno collaborato alla realizzazione di DigaVox , il docu-film sull’emergenza abitativa alle Dighe di Begato. 

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.