Al Quartiere San Pietro l’ombra del racket ricomincia dai box, occupati da carcasse di auto e ingombranti

Genova –  Via Elio Vittorini. Dei box vuoti. Delle carcasse di auto e di motorini. E poi pneumatici, divani, mensole e bidet… così ricomincia la storia.
Due anni fa, l’ombra del racket degli abusivi aveva terrorizzato il quartiere.
C’erano stati casi di anziani che, rientrati da un soggiorno in ospedale, avevano trovato i propri alloggi invasi da estranei.
Oggi, questa occupazione dei box è un segnale che mette in allarme gli abitanti e fa sospettare che il racket si stia riorganizzando, a cominciare proprio dagli ingombranti.
È per questo che stamattina, il Coordinamento dei Quartieri Collinari, tramite la capogruppo PD in Consiglio Comunale Cristina Lodi, ha chiesto agli assessori competenti, Stefano Garassino per la sicurezza e Matteo Campora per l’ambiente, di effettuare un sopralluogo al quartiere San Pietro.
“La settimana prossima faremo un sopralluogo con gli assessori competenti – conferma Lodi – perché la sensazione è che si vada oltre un singolo deposito, che ci sia qualcosa di molto più strutturato e che, allora, farebbe tremare il territorio”.

Simona Tarzia

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*