Via libera di Salvini alla sperimentazione del taser anche a Genova, Traverso (SIAP): “Ora si pensi a formare adeguatamente poliziotti e carabinieri”

Genova – Parte in dodici città italiane la sperimentazione del taser, la pistola elettrica che inibisce le attività motorie, e Genova sarà tra queste.
Soddisfazione da parte di Roberto Traverso, segretario provinciale del Sindacato Italiano Appartenenti Polizia (SIAP), che commenta così la decisione del Ministro dell’Interno Salvini: “Dopo il recente drammatico epilogo del mancato TSO che ha costretto un poliziotto genovese a usare l’arma in dotazione per salvare la vita a un collega che sarebbe stato ucciso, cogliamo positivamente che la sperimentazione del TASER voluta dal Governo precedente dopo un confronto con i sindacati di polizia, si cominci a concretizzare sul territorio nazionale”.
Quindi continua: “Una sperimentazione delicata di uno strumento potente che ovviamente deve essere utilizzato come “ultima ratio” in interventi drammatici per evitare l’uso dell’arma in dotazione che resta strumento determinante in caso di conflitti a fuoco” e avverte: “Leggiamo con stupore gli attacchi in atto tra compagini politiche che fanno a gara per prendersi il merito di essere riusciti a far inserire anche Genova nelle città nelle quali sarà sperimentato il taser, dimenticandosi che si tratta di strumenti che andranno in mano a poliziotti e carabinieri che prima di tutto dovranno essere adeguatamente formati da personale preparato e competente, visto che l’utilizzo di tale arma espone gli operatori ad uno specifico rischio professionale. Questo significa che il Dipartimento della PS dovrà predisporre costosi e adeguati corsi di formazione, in un momento che vede i poliziotti in servizio con dotazioni di reparto distribuite con il contagocce a causa di carenza di risorse”.

Infine conclude con una frecciata a Toti: “Pertanto visto l’entusiasmo riscontrato nell’annuncio del Governatore Toti sul fatto di essere riuscito a far inserire la città di Genova nella sperimentazione,  sarebbe auspicabile che analogo slancio si evidenziasse attraverso un concreto contributo sulla pianificazione di progetti formativi mirati a tutto il Comparto Sicurezza ligure su argomenti delicati come quelli dello stress da lavoro correlato, visto che in Italia il fenomeno del disagio psicologico e l’aumento dei suicidi tra le forze dell’ordine sono sotto gli occhi di tutti”.

Per saperne di più leggi QUI le linee guida tecnico-operative per l’avvio della sperimentazione della pistola elettrica.

Ecco l’intervista rilasciata a #fivedabliu da Roberto Traverso dove si chiede con urgenza la sperimentazione del taser:

Caso Tomalà, Traverso (SIAP): “Giù le mani dai colleghi. Non ci sono dubbi sulla correttezza professionale della pattuglia che si è trovata in questa situazione tragica”

 

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.