Riqualificazione del mercato ovo-avicolo del Campasso, Fanghella: “Opera fondamentale, non derogabile. “

Genova – 3.500 metri quadri di spazi inutilizzati e trent’anni di abbandono.
Questo l’identikit dell’ex mercato ovo-avicolo di via Pellegrini, nel cuore del Campasso, un buco nero che gli abitanti vorrebbero cancellare e sostituire con quella riqualificazione che oggi sembra arrivata sulla linea di partenza: “Si tratta di un’opera fondamentale, non derogabile, che verrà realizzata e troverà il suo inizio, se non nel 2019, agli inizi del 2020”. 
Allontana ogni dubbio Paolo Fanghella, Assessore ai Lavori pubblici, Manutenzioni e Sviluppo delle vallate, dopo che, martedì scorso in Consiglio Comunale, aveva annunciato come tutti i progetti del Bando delle periferie genovesi fossero viziati da deficit progettuali e previsionali e che quello del Campasso, in particolare, aveva visto raddoppiare i costi ed era “complicato da portare avanti” (vedi QUI).

Allarme rientrato, dunque, tanto che lo stesso Fanghella ci conferma: “Il dato è che siamo arrivati a conclusione dell’iter. Abbiamo l’obbligo formale di dare l’affidamento all’impresa entro il 2019 per non perdere il finanziamento e l’opera si farà”.
Resta il dubbio se, nella progettazione curata da Sviluppo Genova, ci siano state delle sottostime. Ci risponde Fanghella: “Non so se ci siano state sottostime da parte di Sviluppo Genova. In questa veste io non faccio il tecnico ma faccio il politico e quindi non entro nel merito. Il dato reale è che quel progetto finalmente sta trovando la fine”.

Certo che,  fatte salve le modifiche richieste dalla nuova normativa antisismica del luglio 2017,  la circostanza che il Comune debba trovarsi a rimodulare un progetto viziato da un errore di qualche milione di euro ci lascia parecchie perplessità.

st

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.