Gli sfollati del Morandi: la vita in un carrello

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Eccolo.
Immobile nel rombo della sua caduta. Ammasso di lamiere, cemento e sangue.
Scheletro arrugginito dall’incuria che incombe sulle case e sui carrelli che, avanti e indietro, portano ricordi e pezzi di vita.
Ora spunta un quadro. Una fotografia. Vestiti. Un’aspirapolvere.
Non doveva finire così.
Una fila di sedie all’ombra accoglie chi non vorrebbe lasciare la propria casa e sta lì, Cerbero degli anni duemila, a guardia della memoria.
Nella consueta zona rossa italiana, non vogliamo che resti la solita nebbia abitata da ombre innacertabili.

Simona Tarzia[/vc_column_text][vc_video link=”https://youtu.be/I2yD1GU7KM8″][/vc_column][/vc_row]

CONDIVIDI
Simona Tarzia

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.