Nell’inferno di via Borzoli

[vc_row][vc_column][vc_column_text]GenovaSiamo tornati in via Borzoli nel primo lunedì di rientro dalle ferie dopo il crollo del Ponte Morandi e la sensazione è quella di muoversi sempre border line, in attesa del cataclisma.
Sono tantissimi, infatti, i Tir che vanno avanti indietro dalla Valpolcevera usando questa strada per risparmiare qualche kilometro, ma con grave pericolo anche per l’incolumità delle persone perché la via è priva di marciapiedi.
Avevamo già segnalato la preoccupazione dei cittadini e la necessità di far rispettare il divieto di transito agli autoarticolati ma, ad oggi, le cose non sono cambiate.
Anzi, con l’arrivo di settembre e l’inizio dell’anno scolastico il timore è che la zona si faccia sempre più calda, con il moltiplicarsi di difficoltà e disagi.

st[/vc_column_text][vc_video link=”https://youtu.be/GZTcv4Rc_ps”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text]

Potrebbe interessarti anche:

A Borzoli viabilità in tilt, i residenti: “Fate rispettare il divieto di transito per i mezzi pesanti”

 [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

CONDIVIDI

Sono una giornalista con il pallino dell’ambiente e mi piace pensare che l’informazione onesta possa risvegliarci da questa anestesia collettiva che permette a mafiosi e faccendieri di arricchirsi sulle spalle del territorio e della salute dei cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *