Il viadotto Leira perde i pezzi. Adesso c’è bisogno di serietà

Genova –  C’è bisogno di intervenire subito per mettere in sicurezza i viadotti che attraversano la Liguria e, in una visione più lungimirante, l’Italia intera. È di oggi pomeriggio, infatti,  la notizia di un altro intoppo che interessa Autostrade per L’Italia: il viadotto Leira della A26 perde pezzi che finiscono su via Ovada, la strada  che collega Voltri al Comune di Mele.
Ma non è tutto qui il problema. È più ampio e quindi grave.
Il viadotto Morandi, ultimo per data ma il più rilevante per le vittime, è solo l’ennesimo esempio di come in Italia si siano intrecciati interessi, affari, tariffe, mafie e clientele. 
Scorrendo il dossier dell’Operazione “Pandora” si scorgono i nomi, sempre gli stessi, che intrattengono rapporti con funzionari pubblici e famiglie attenzionate dagli inquirenti per appalti e “arbanelle” di acciughe.
E la politica non sta a guardare, anzi partecipa attivamente, prende voti e offre favori.
I nomi si sanno, i sospetti ci sono, alcune condanne anche. Eppure non basta.
Bisogna diventare un paese serio, e non far finire tutto come  per il DC9 Itavia abbattuto tra Ponza e Ustica. 
La politica ha l’urgenza di cambiare i suoi paradigmi, di tornare a lavorare con una visione lungimirante e recuperare credibilità.

fp