È partito l’iter per l’installazione dei sensori sui due tronconi del Morandi

In merito al monitoraggio dei due tronconi di ponte Morandi, la struttura commissariale fa sapere che è in corso un’analisi per valutare le migliori offerte di società specializzate, per poter partire al più presto con la verifica attraverso sensori. Da subito, appena ricevuta la relazione della Commissione tecnica che è stata poi inviata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Toninelli, la struttura commissariale si è attivata per velocizzare tutti i passaggi fondamentali per poter partire con le operazioni. Abbiamo in seguito chiesto alla Procura della Repubblica l’autorizzazione per accedere alla zona rossa e per poter lavorare, essendo un’area posta a sequestro. Nelle prossime ore, individuata l’azienda fornitrice di sensori, che potranno essere acquistati solo dopo aver ottenuto i permessi di accessibilità dalla Procura, e valutate tutte le misure di sicurezza per far  lavorare al meglio i Vigili del fuoco, si potrà partire con il monitoraggio dei due tronconi di ponte Morandi. La durata del monitoraggio, naturalmente, dipenderà anche dai primi risultati che si otterranno dagli accertamenti preliminari.

Per quanto riguarda la situazione  degli sfollati, sono più di 100 le case pubbliche date alle famiglie che hanno dovuto abbandonare le loro dopo il crollo del ponte Morandi. 135 sono, invece, i nuclei familiari che hanno scelto l’assegno, 31 quelli già liquidati, per l’autonoma sistemazione.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*