Roma, corruzione nell’assegnazione delle case popolari: 6 in manette

La Polizia di Stato del commissariato Fidene, unitamente  al personale del III° Gruppo Nomentano della Polizia  Locale  Roma Capitale, ha svolto una complessa indagine volta a contrastare il fenomeno della corruzione nelle assegnazioni  degli  alloggi  e dei  locali commerciali  dell’ ATER. 

Al termine dell’attività investigativa, coordinata dalla Procura  di  Roma,  l ‘A.G. ha chiesto ed ottenuto dal G.I.P., Dr.ssa Alessandra BOFFI, l ‘emissione di nr.  6  ordinanze  di  custodia  cautelare  agli  arresti  domiciliari.

Ai predetti sono stati contestati, a vario titolo ed i  concorso tra loro, i  reati  di  corruzione  per  atti contrari ai doveri d ‘ufficio,  accesso  abusivo  ad  un  sistema  informatico  e  telematico ,  falsità  materiale commessa  dal  pubblico  ufficiale  in atti  pubblici, ecc.

Le misure cautelari, sono state eseguite dagli agenti del commissariato Fidene e dal  personale del III° Gruppo Nomentano,  nei   confronti   delle  sottoelencate persone:

1)         S. A.   romano di 52 anni,   funzionario A.T.E.R.;

2)         L.  C. , romano di 41 anni, dipendente  ATER ;

3)         G. E. romano di 39 anni, all’epoca dei fatti dipendente ATER, attualmente  in

            Pensione;

4)         M. G. , romano di 59 anni, dipendente del  Comune di  Roma;

5)         B. V. ,  romano di 58 anni;

6)         T. M. , romana di 60 anni.

L’attività di indagine, svolta a partire da maggio 2015, ha messo in luce l ‘esistenza di uno strutturato sistema corruttivo posto in essere da dipendenti  dell’ A.T.E.R.  di  Roma  e del Comune di  Roma, unitamente ad altri soggetti, alcuni con  pregiudizi penali , finalizzato alla creazione  di  un canale parallelo ed  illegale per l ‘assegnazione di alloggi ERP di proprietà dell’ATER in violazione  degli ordinari  bandi di assegnazione e con la produzione di falsa documentazione volta a dare una parvenza di  legittimità a quella che, di  fatto, sono  state  vere  e proprie  occupazioni abusive.

 In tal senso la progressione delle attività tecniche predisposte sulle utenze in uso agli indagati evidenziava inequivocabilmente  due  figure,  dipendenti  pubblici  dell’A.T.E.R  d i Roma, dediti  a  compiere atti contrari al  loro uffici o, i  qual i , previo compenso  in danaro, producevano  e protocollavano  nulla osta  falsi su carta intestata A.T.E.R al fine  di  consentire  l’allaccio  delle  utenze  domestiche  e  l’ottenimento  della  residenza  presso  gli  alloggi  A.T.E.R  occupati illecitamente.

Il compenso per  gli  atti contrari  ai doveri  d ‘ufficio  avevano  un  “prezzo” diverso:  1500 /2000 euro per gli  indirizzi degli alloggi da occupare e 1000 euro per i  nulla osta falsi dell’ATER .

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.