Manganaro (Fiom): “Subito il Ponte o Genova perde lavoro e reddito”

Genova   Genova ha perso 43 vite, gli sfollati hanno perso le case e dopo tutte queste tragedie Genova rischia di perdere anche lavoro, salario, e reddito.

Ansaldo Energia, S. Giorgio Seigen, Ferrometal, Acremoni, Weico, Arced, e altre aziende sono in difficoltà da un punto di vista produttivo a causa del crollo. Alcune iniziano a ragionare di trasferimenti  fuori Genova.

Altre si rivolgono alla cassa integrazione, e mentre si perdono commesse e i dipendenti perdono salario, per alcune non c’è nemmeno l’ammortizzatore sociale e finite le ferie ci saranno i licenziamenti.

Il decreto Genova, ormai chiamato da alcuni il decreto “domani”, non arriva e il nuovo ponte rimane pura fantasia.

Il ministro Toninelli ha dichiarato che nel decreto ci saranno 200 assunzioni per il suo Ministero: mentre a Genova si piangono licenziamenti e salario, a Roma si brinda.

È inaccettabile che per interessi di bottega e di potere, la vita dei genovesi, il lavoro e il loro reddito vengano messi in discussione.

Stiamo per perdere la pazienza e se necessario lo diremo in piazza: nessuna perdita di posti di lavoro, nessuna perdita di reddito.

Bruno Manganaro, Segretario provinciale della FIOM

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.