Roberto Traversi, M5S, deposita alla Camera un’interrogazione sulla truffa dei diamanti

Depositata un’interrogazione sul caso alla Camera. Presentato anche lo sportello Diamanti che fornisce assistenza legale ai risparmiatori truffati

Il caso dei diamanti gonfiati sbarca in Parlamento grazie al MoVimento 5 Stelle e al deputato Roberto Traversi, primo firmatario di un’interrogazione a risposta scritta che punta a fare chiarezza su una delle più clamorose truffe bancarie degli ultimi anni.

I FATTI – Partito dalla denuncia di alcuni correntisti chiavaresi colpiti, il caso ha in realtà un rilievo ligure e nazionale e coinvolge alcuni dei principali istituti di credito del nostro paese. “I fatti sono noti – ha spiegato questa mattina Traversi in conferenza stampa in Regione Liguria, insieme ai consiglieri regionali M5S e all’avvocato Marina Silvestri – Si tratta di migliaia di correntisti (70 solo a Chiavari) invitati dalla propria banca di fiducia a investire in diamanti, che, tuttavia, venivano venduti a un prezzo in alcuni casi anche più di tre volte superiore a quello reale. Già al momento dell’investimento i correntisti hanno perso quasi già tutto quello che avevano investito, senza contare il successivo, ulteriore, deprezzamento nel tempo. Insomma, un vero e proprio sistema truffaldino, con l’aggravante di far leva sul rapporto di fiducia tra i risparmiatori e la propria banca.”

L’INTERROGAZIONE – Il 16 ottobre lo stesso Traversi ha depositato alla Camera un’interrogazione a risposta scritta con cui si rivolge al Ministero dell’Economia e delle Finanze per chiedere se fosse a conoscenza della vicenda e se siano previste iniziative a tutela dei risparmiatori truffati e a prevenzione di simili casi in futuro.

LO SPORTELLO – In attesa degli sviluppi istituzionali, Traversi e il MoVimento 5 Stelle hanno inaugurato questa mattina uno Sportello Diamanti pensato proprio per le vittime della truffa. Basterà inviare una mail all’indirizzo sportellodiamanti@gmail.com per ottenere informazioni in merito e ricevere una prima assistenza gratuita.

“In tanti in questi mesi si sono rivolti a noi, e da subito abbiamo cercato di offrire un sostegno pratico, concreto. Con questo spirito è nata l’idea di creare uno sportello dedicato con cui poter fornire assistenza alle persone, sul modello degli sportelli anti-Equitalia lanciati in tutta Italia dal MoVimento 5 Stelle” hanno sottolineato Traversi e Silvestri.