Omicidio di Desirée Mariottini: la Polizia arresta un quarto uomo

Foggia – Frazione di Borgo Mezzanone. Nel primo pomeriggio gli agenti delle Squadre Mobili di Roma e Foggia, del Commissariato di P.S. San Lorenzo e del Servizio Polizia Scientifica, hanno catturato, all’interno della zona denominata “ex pista”,  SALIA YUSIF ritenuto responsabile in concorso con altri tre cittadini stranieri dello stupro e omicidio della sedicenne Desirée Mariottini, nella notte tra il 18 e il 19 ottobre scorso.

Nella zona, adiacente al C.A.R.A., si trova una tendopoli di cittadini extracomunitari che non hanno più i requisiti per essere ospitati all’interno della struttura di accoglienza.
Qui la Squadra Mobile di Foggia, in collaborazione con gli agenti di Roma, è riuscita a individuare una delle tante baracche dove il ricercato avrebbe potuto nascondersi e, sfondata la porta, lo hanno arrestato.
Dopo la cattura è stata effettuata un’accurata perquisizione all’interno della baracca, ed è stato rinvenuto svariato quantitativo di stupefacente: 11 Kg di marijuana suddivisi in 50 pacchi, 194 gr di hashish suddivisi in 3 pezzi, due buste di resina per un totale di 122 gr e 4 dosi di metadone; inoltre sono stati rinvenuti una pistola giocattolo e un bilancino di precisione.
Tutto lo stupefacente trovato era nell’esclusiva disponibilità di Salia Yusif, che si trovava da solo nell’abitazione.
Dell’operazione di Polizia Giudiziaria è stata informato il PM di turno della Procura di Foggia che ha disposto, per quanto concerne la detenzione ai fini di spaccio di stupefacente, l’arresto e la traduzione dello straniero presso il carcere di Foggia.