Inchiesta ponte Morandi: Castellucci non risponde ai Pm e deposita una memoria

Genova – L’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, indagato con altre 21 persone e con le società Aspi e Spea per il crollo di Ponte Morandi, ascoltato questa mattina dai Pm, Massimo Terrile e Walter Cotugno, ha consegnato una memoria difensiva e si è avvalso della facoltà di non rispondere

“In  considerazione  della  complessità  e  della gravità dei tragici fatti sottoposti  al  vaglio  della  magistratura – ha dichiarato al termine dell’interrogatorio il suo avvocato difensore, Paola Severino  abbiamo  ritenuto  opportuno dichiarare la disponibilità dell’ingegner Castellucci a rispondere, nei limiti delle   competenze  a  lui  facenti  capo  e delle deleghe previste dall’organizzazione societaria, una volta che l’incidente probatorio sia concluso, siano state ricostruite le cause dell’evento e ne siano state tratte le eventuali specifiche contestazioni”.

Castellucci, che questa mattina ha riferito ai magistrati “in merito alle ulteriori verifiche e agli accertamenti sulla sicurezza della rete, che stiamo conducendo anche con l’ausilio di società di ingegneria indipendenti esterne, e su ciò che stiamo  facendo per le famiglie delle vittime e per i danneggiati dalla tragedia”, ha dato agli inquirenti rassicurazioni sull’esito positivo di questi controlli e quindi ha esposto “i nostri interventi a supporto di chi è stato coinvolto nella tragedia: fino ad oggi abbiamo  erogato  contributi a circa 300 famiglie senza casa ed a circa 500 commercianti  e  artigiani.  Inoltre  la  società,  senza attendere i tempi lunghi  delle  assicurazioni,  ha  assunto direttamente  l’iniziativa  per garantire  il  giusto  risarcimento  a  circa 150 eredi delle vittime della tragedia”.
L’AD di ASPI ha anche chiarito ai Pm che “gli  interventi  di  manutenzione effettuati  dalla società, sulla base delle previsioni della Convenzione in essere, non vengono remunerati in alcun modo in tariffa”.

Una conferma, infine, in merito alle dimissioni dalla società: “Il processo di progressiva riduzione delle mie responsabilità e di uscita da Autostrade per l’Italia, che è iniziato prima di questa tragedia, riprenderà a breve”, ha concluso Castellucci rispondendo ai giornalisti.

st