Napoli: scoperta fabbrica abusiva di fuochi, intervenuti anche gli artificieri

Napoli – Mentre  la notte di San Silvestro si avvicina, il comando provinciale della guardia di finanza di Napoli prosegue con l’intensificazione delle attività di contrasto ai fenomeni illeciti in materia di produzione e commercializzazione di fuochi artificiali illegali.

In particolare, i militari della compagnia di Ottaviano hanno scoperto un laboratorio fotografico dedito al commercio illegale di artifici pirotecnici proibiti (deltipo c.d. “cipolle”, “rendine” e “supercobra”).

Nel corso di un ulteriore intervento è stato sottoposto a controllo un soggetto di nazionalità italiana intento a caricare sulla propria autovettura botti illegali, per un totale complessivo di 1,5 quintali.

Alcuni giorni fa, inoltre, in San Giuseppe Vesuviano, è stato scoperto un opificio abusivo di fuochi d’artificio illegali, privo di qualsiasi autorizzazione. Nella fabbrica, situata in un deposito seminterrato, erano stipati circa 4 quintali di artifici, rientranti nella categoria t2 – f4, fra cui bombe carta, bombe da mortaio, cipolle e trak.

Non solo. All’interno di un garage, nel pieno centro di San Gennaro Vesuviano, invece, venivano rinvenuti 2 quintali di articoli pirotecnici illegali confezionati e già pronti per la vendita, rientranti nelle categorie t1 – t2 – f1 – f4, considerate tra le più pericolose in circolazione.

L’attività – nella quale sono intervenuti anche gli artificieri della polizia di stato per i rilevamenti e la campionatura – si è conclusa con il sequestro dei fuochi pirotecnici illegali rinvenuti, per un toale di 17.377 artifizi pirotecnici illegali, pronti per l’immissione sul mercato nero.

Complessivamente, sono stati sequestrati oltre 7,5 quintali di fuochi pirotecnici illegali, con la denuncia di 3 soggetti italiani per le violazioni di cui agli artt. 678 e 679 del codicepenale.

L’attività di servizio testimonia il costante presidio esercitato dalla guardia di finanza sul territorio a salvaguardia delle leggi ed a contrasto di un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.