Il 2019 parte con Carige in amministrazione controllata

Genova – In una nota delle Segreterie di Coordinamento del Gruppo Carige, FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN, si legge: “In relazione all’odierna decisione delle autorità competenti di porre Carige in stato di amministrazione straordinaria, le Segreterie Nazionali ed i Coordinamenti del Gruppo Carige hanno richiesto un incontro urgente ai Commissari Straordinari della Banca.
Le Organizzazioni Sindacali si aspettano che la gestione dell’Azienda e del rapporto con i colleghi avvenga in perfetta continuità con la gestione attuale.
Chiedono inoltre con forza che venga indicata rapidamente una soluzione tale da rimediare alla situazione fortemente critica determinatasi in seguito alle decisioni assunte dall’assemblea degli azionisti; questa soluzione dovrà garantire la salvaguardia, sotto ogni aspetto, di tutti i dipendenti del Gruppo.
Le Organizzazioni sindacali chiedono infine che tutte le istituzioni, le autorità e le associazioni di categoria si mobilitino insieme al sindacato prendendo una netta posizione sulla vicenda e schierandosi a fianco dei lavoratori”.

Così Regione Liguria commenta la situazione di Banca Carige: “Regione Liguria sta seguendo in queste ore lo sviluppo degli eventi legati alla situazione di Banca Carige. Il Presidente Toti ha sentito questa mattina il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il neo-commissario Pietro Modiano. Il primo ministro ha assicurato grande attenzione da parte del Governo alla vicenda, e all’economia ligure in generale, come ha dimostrato il Decreto Genova. Regione Liguria ribadisce la propria fiducia nell’istituto di credito, partner dell’ente in molte operazioni di politica economica, nonché patrimonio irrinunciabile del territorio. Piazza De Ferrari auspica inoltre che la nomina di commissari in continuità con l’attuale vertice da parte della Bce possa servire a un necessario chiarimento con i principali azionisti dell’istituto, così da riprendere al più presto un percorso virtuoso per la banca.
La nota si conclude con una precisazione del Presidente Toti“Riteniamo infatti che da un dialogo costruttivo tra i principali protagonisti liguri della vicenda possano emergerete soluzioni positive per il futuro. Per quanto ci riguarda  ribadiamo tutta la nostra fiducia nella banca, quella stessa fiducia che da sempre i liguri manifestano nei confronti dell’istituto, e che non mancherà neppure in questa occasione”.