Quella roba blu incapsulante e innocua

Genova – Stimolata dalla popolazione, impaurita e attenta, la struttura commissariale ha inviato, questo pomeriggio,  una nota stampa che spiega la natura della sostanza blu comparsa nell’area RFI del Campasso.

“Nel cantiere lato est per la demolizione e ricostruzione di Ponte Morandi, nell’area occupata dalla massicciata ferroviaria, si sta intervenendo con una serie di attività preventive a salvaguardia della salute e dell’ambiente che vengono eseguite per bloccare l’emissione di qualsiasi sostanza che vi possa essere eventualmente contenuta.

Le aree in questione vengono cosparse di sostanze colorateincapsulanti a base vinilica, assolutamente innocue  – che hanno il solo scopo di preparare il fondo dell’area di cantiere e proteggere il substrato di proprietà RFI, Rete Ferroviaria Italiana.

Come da comunicazione preventivamente inviata alla Asl, l’ area colorata con la sostanza blu è conseguenza di un lavoro già eseguito da RFI al di fuori dell’area presa in consegna dall’ATI, l’Associazione temporanea di imprese che oggi gestisce i cantieri per la demolizione del Morandi.

L’ATI, con le stesse modalità previste dal Protocollo e comunicate all’Asl, sta utilizzando sull’area di propria competenza l’incapsulante colorato di rosso.

Le sostanze sono colorate solo per consentire l’immediata individuazione delle parti trattate da quelle non trattate.

Al di sopra dello strato colorato sarà steso, inoltre, un telo in tessuto-non tessuto ed uno strato di tout venant (un sottofondo di pietrisco) per consentire il transito in sicurezza dei mezzi operativi che si muoveranno in questa area.

La Struttura Commissariale – in condivisione con RFI – specifica che tutte le lavorazioni che sono in corso sono basate su protocolli impostati e condivisi con la Asl di competenza“.