Crisi Moody e Pasticceria Svizzera, Carmassi (FILCAMS): “Sul commercio le istituzioni fanno orecchie da mercante”

Genova – Una manifestazione importante oggi a Piccapietra davanti al Moody che rappresenta solo l’ultima delle chiusure avvenute nell’ultimo anno e mezzo a Genova. L’effetto domino del noto crack Fogliani, infatti, ha lasciato a casa oltre 400 lavoratori genovesi.
Così Marco Carmassi, segretario generale Filcams Genova: “Denunciamo l’assenza delle istituzioni che fanno orecchie da mercante, mentre da tempo chiediamo un tavolo di crisi sul commercio per dare una risposta al settore e a chi ha perso il posto di lavoro”.

Potrebbe interessarti anche:

Moody e Pasticceria Svizzera, dopo Fogliani quale futuro?