Basta alle servitù nel Ponente: ieri nuovo flash mob ai giardini Melis organizzato dalle donne di Cornigliano

GenovaNon si ferma il ruggito del Ponente. Dopo il flash mob anti smog di domenica mattina in Lungomare Canepa, ieri le donne di Cornigliano si sono incontrate ai giardini Melis per manifestare il malcontento di tutta la delegazione, preoccupata non solo per le possibili ricadute sulla salute e la vivibilità del quartiere che deriverebbero dalla costruzione del nuovo depuratore, ma anche per le voci sul trasferimento dei depositi chimici Carmagnani e Superba.
“Vogliono rendere Cornigliano peggio di come era prima“, spiega Giovanna Regoli, figura storica della lotta alla cockeria, che poi precisa: “Ci siamo mangiati il carbone col cucchiaio. Secondo come tirava il vento ce lo sentivamo scricchiolare in bocca. Adesso basta, Cornigliano ha già dato”.

È un disagio profondo quello che manifestano i corniglianesi, legato alle speranze di una riqualificazione promessa ma sempre più lontana e misto alla paura di ritrovarsi ancora una volta a cosa fatte, senza poter più dire la loro.

Simona Tarzia

Potrebbe interessarti anche:

Fanghi da depurazione in agricoltura: con il Decreto Emergenze si può inquinare di più?

 

600 corniglianesi in assemblea pubblica dicono #NOalpetrolchimico. E Bernini (PD) rilancia l’opzione Lanterna

Cornigliano insorge: “Basta servitù”