Ponte Morandi, ancora soldi. Decreto di proroga per la “UNA TANTUM” ai lavoratori autonomi

PONTE MORANDI, INDENNITÀ UNA TANTUM DA 15MILA EURO PROROGATA AL 16 APRILE. POTRANNO USUFRUIRNE ANCHE I SOGGETTI CHE HANNO SOSPESO L’ATTIVITÀ PER 7 GIORNI LAVORATIVI NON CONSECUTIVI

Genova – Per garantire un risarcimento al maggior numero di soggetti possibili e venire incontro alle esigenze delle categorie che hanno subito un danno economico a seguito del crollo del Ponte Morandi, il Commissario delegato per l’emergenza Giovanni Toti ha firmato oggi un decreto per prorogare al 16 aprile 2019 i termini per la presentazione delle domande per la cosiddetta “una tantum”, pari a 15.000 euro. Il decreto riduce inoltre a 7 giorni lavorativi non consecutivi i criteri minimi per accedere a questa misura.

L’indennizzo, previsto dall’art. 4-ter comma 2 della Legge Genova, è a favore dei lavoratori autonomi, dei collaboratori coordinati e continuativi, dei titolari di rapporti di agenzia e di rappresentanza commerciale, compresi i titolari di attività di impresa e professionali, che abbiano dovuto sospendere l’attività a causa del crollo del Ponte Morandi.

Le domande potranno essere presentate, da domani, attraverso un sistema telematico sul sito di Regione Liguria, nella sezione dedicata “Ponte Morandi” – “sostegno al reddito lavoratori autonomi – una tantum”.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.