Flashmob del Campasso: in strada per difendere ambiente e salute

Genova – Sono scesi in strada per chiedere maggior tutela per l’ambiente e la salute.
Sono i cittadini del Campasso, preoccupati per i detriti del cantiere del Morandi, che ieri sera hanno sfilato per via Fillak con striscioni e magliette con su scritte le loro paure: amianto e polveri.
E non solo in vista dell’esplosione delle pile 10 e 11.
Li allarma, infatti, anche la questione che non tutti i varchi abbiano un impianto lavaruote per gli autoarticolati che entrano ed escono dal cantiere, o l’utilizzo che verrà fatto dei detriti del ponte, dai quali potrebbero nascere le colline del futuro parco urbano del quartiere.

Un flash mob che ha coinvolto una sessantina di persone tra residenti, commercianti e consiglieri d’opposizione del Municipio Centro Ovest, e che si è fermato in via Capello, davanti al tendone divenuto ormai il simbolo delle lotte di chi, con le polveri del cantiere, è costretto a convivere.

st

Potrebbe interessarti anche:

Amianto nel cantiere del Morandi: spunta un dato allarmante

Terra e roccia con Eternit al Campasso, gli esperti assicurano: “Un telo di tessuto non tessuto e 40 cm di terra per segregare tutto quello che c’è sotto”

Via Porro: la polvere ai confini della Zona rossa