Arrestato latitante pluripregiudicato per traffico di stupefacenti

Genova – La Polizia di Stato, nell’ambito di un’attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova, nel tardo pomeriggio di ieri a Genova, ha tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P del Tribunale di Genova per reati in materia di sostanze stupefacenti, il latitante ALTIC Safet, detto “Sergio”, quarantacinquenne, irregolare sul Territorio Nazionale, pluripregiudicato in materia di stupefacenti, il patrimonio e la persona e coinvolto nell’inchiesta “calcio scommesse” del 2011

Elemento di spicco della criminalità organizzata genovese e coinvolto in più procedimenti penali, si era già allora reso irreperibile dopo ripetuti sequestri di consistenti quantitativi di hashish, importato dal Marocco via Spagna e destinato al mercato genovese. Reato aggravato dall’essere stato commesso con il contributo di un gruppo organizzato con il quale lo stesso ALTIC era in contatto. Parte della droga era stata sequestrata a Genova nel 2016 con l’arresto di due corrieri fermati mentre la stavano trasportando a bordo di due autovetture.

Nell’aprile dello stesso anno l’uomo era stato rintracciato e arrestato dalla Squadra Mobile di Genova, appena scarcerato, però, si era reso nuovamente irreperibile in quanto coinvolto in altri procedimenti penali. Nello stesso periodo veniva dichiarata la sua latitanza dal Tribunale di Genova.

Dall’attività di indagine è emerso che Altic aveva trovato e riparo in Spagna dove negli anni 2016 e 2017, a seguito di emissione di Mandato di .Arresto Europeo, veniva attivamente ricercato da personale di questa Squadra Mobile.

Ieri sera, all’esito di un lungo appostamento, è stato fermato all’uscita di un appartamento di San Fruttuoso e, dopo aver tentato nuovamente la fuga lanciandosi da un muro di cinta alto oltre tre metri, è stato immobilizzato e tratto in arresto.

E’ stata eseguita la perquisizione dell’appartamento in sua disponibilità ove è stata rinvenuta e sequestrata una pistola scacciacani ed è stata denunciata per favoreggiamento personale la coppia che lo ospitava, un pregiudicato cagliaritano di 56 anni e la sua compagna, una 52enne genovese, entrambi presenti al momento della perquisizione.