Dossier Spiagge di Legambiente, Scajola: “Respingiamo le critiche al mittente”

LEGAMBIENTE: ASSESSORE SCAJOLA, “RESPINGIAMO CRITICHE A MITTENTE. CONCESSIONI IDENTICHE DA QUATTRO ANNI. LIGURIA PRIMA REGIONE AD AVER DESTINATO INTERO INTROITO IMPOSTA REGIONALE CONCESSIONI PER RIPASCIMENTI, PULIZIA, SICUREZZA E ACCESSIBILITÀ SPIAGGE”

Genova – “Arriva puntuale anche quest’anno in piena stagione balneare il rapporto di Legambiente, con una lettura negativa di cui certamente tutti i liguri saranno loro grati. Per quanto ci riguarda, respingiamo le critiche al mittente: nei quattro anni di questa amministrazione nessuna spiaggia libera è stata cancellata perché le concessioni sono rimaste le stesse dal nostro insediamento ad oggi. Questa Giunta ha investito importanti risorse anche nel pubblico: siamo l’unica Regione che dal 2015 ad oggi ha deciso di destinare l’intera somma dell’imposta regionale derivante dalle concessioni demaniali, pari a circa 1,5 milioni di euro, ai Comuni per investimenti sul demanio, non solo per i ripascimenti ma anche per interventi di pulizia, sicurezza e accessibilità sul nostro litorale, con una particolare attenzione alle persone disabili”.
Così l’assessore al Demanio di Regione Liguria, Marco Scajola, in merito al rapporto spiagge 2019 di Legambiente.

“Questa giunta – prosegue Scajola – ha promosso la realizzazione da parte dei Comuni di spiagge libere attrezzate, che in Liguria sono 156 per garantire più sicurezza e servizi di qualità a turisti e cittadini, anche grazie alla presenza obbligatoria del bagnino e rispondendo così anche a specifiche esigenze di ordine pubblico manifestate dal territorio”.

“Il nostro lavoro prosegue – conclude l’assessore al Demanio – con l’obiettivo di sostenere e tutelare il sistema complesso delle concessioni demaniali, consapevoli del valore strategico del settore, che conta 20mila occupati diretti, a cui va aggiunto tutto l’indotto: una voce importante e imprescindibile della nostra economia e del nostro turismo”.