Casa della Salute Valpolcevera: la maggioranza boccia odg su inizio lavori e stanziamento dei fondi

Il centrodestra boccia OdG, presentato stamane dalle opposizioni sull’assestamento di bilancio, per dare certezza alla realizzazione della Casa della Salute in Valpolcevera.
«Questo OdG è un atto necessario: perché al netto delle dichiarazioni, non si riesce a comprendere se la realizzazione della Casa della Salute sia per Toti e Viale una vera priorità. Già 4 anni fa, come gruppo consiliare, ci trovammo di fronte a uscite mediatiche purtroppo non corroborate dai fatti, e quindi rapidamente tramontate. Non vorremmo che i recenti annunci di Toti e Viale fossero soltanto un modo per stare in campo, in questa lunga campagna elettorale. E la Valpolcevera non ha proprio bisogno di parole –
dichiara il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino, fra i promotori dell’OdG -. Troppe le domande ancora aperte. Chiediamo che la giunta spieghi dove verranno presi i fondi mancanti per terminare la progettazione, e se entro quest’anno intenda davvero iniziare i lavori. È anche necessario che la Regione convochi finalmente gli attori protagonisti della vicenda, cioè gli enti locali e ASL3, per decidere contenuti e servizi erogati. Tutte questioni su cui siamo fermi al punto di partenza. Quando si arriva al dunque Toti tergiversa: la bocciatura di oggi lo conferma».

«Molte volte abbiamo affermato che la Casa della Salute in Valpolcevera sia una priorità. Lo dicevamo ben prima della tragedia di Ponte Morandi, perché in questa zona i processi di deprivazione sanitaria sono iniziati anni fa –ricorda Pastorino -. Quindi la Casa della Salute non può ridursi a una piastra ambulatoriale, pur completa. Servono più servizi, connessione con la sanità territoriale e domiciliata, coordinamento con i medici di famiglia: elementi che possono costituire una rete di protezione per un territorio particolarmente fragile. Insomma, c’è bisogno di mettere il cervello a cuocere, per fissare gli obiettivi di questo intervento in modo da superare i disagi e soddisfare davvero i bisogni dei residenti». 

Comments are closed.