Un’idea per i sottopassi genovesi, Garassino: “Pensiamo a degli sponsor come per i Buccini”

Genova – L’idea per risolvere i problemi dei sottopassi genovesi è quella di farli “adottare” dagli sponsor come è successo per i “Buccini”, i dissuasori anti terrorismo che vediamo in giro per la città.
Ce lo racconta Stefano Garassino, l’Assessore alla Sicurezza e Polizia Locale, che ci spiega: “Pensiamo di rivestire le pareti dei sottopassi con laminato lavabile che può essere ripulito velocemente e a costo zero. Tra l’altro, toglierebbe anche la voglia di sporcare i muri perché il giorno dopo scritte e disegni possono essere facilmente eliminati”.
All’interno delle pareti, gli spazi per gli sponsor “che finanzierebbero l’operazione come è avvenuto per i cubi anti terrorismo e, speriamo, quasi a costo zero per l’amministrazione”.
Per fare questo il Comune dovrà lanciare un bando che, anticipa Garassino, potrebbe intitolarsi “Adotta un sottopassaggio”.

Tra le idee che l’Assessore ha raccolto in un fascicolo c’è il modello Ancona, la foto della nostra copertina, “una soluzione molto luminosa e chiara che tra l’altro migliora anche la percezione della sicurezza che solitamente nei sottopassi non è mai particolarmente alta, e poi prevede già degli spazi per gli sponsor”, conclude Garassino.

st

Sul progetto dei cubi anti terrorismo potrebbe interessarti:

Arrivano 85 nuovi “buccini”. Ecco chi paga i dissuasori antiterrorismo