Sversamento di cloruro rameico nel Rio Ruscarolo: preoccupano i sacchi bianchi della bonifica abbandonati nell’alveo

ACCATASTATI NELL’ALVEO DEL RIO CI SONO I SACCHI BIANCHI CON LA “R” NERA SU FONDO GIALLO CHE IDENTIFICA I RIFIUTI PERICOLOSI

Genova – Sono stati accatastati senza protezione nell’alveo del rio Ruscarolo, a Borzoli, i sacchi utilizzati per la bonifica dello sversamento del 13 settembre scorso, quando 400 litri di cloruro rameico ne hanno inquinato acqua e terra.

CuCl2

Classificato come rifiuto pericoloso, il cloruro di rame è il sale di rame dell’acido cloridrico – detto anche acido muriatico – e, in qualità di sale di un metallo pesante, è pericoloso per l’ambiente oltre ad essere tossico, corrosivo e irritante per i tessuti deboli come occhi, pelle danneggiata, o bocca.

Il cloruro di rame è anche altamente solubile in acqua e, ora che le piogge autunnali sono alle porte, questi sacchi abbandonati preoccupano ancora di più: che fine faranno nel caso di un’esondazione del rio Ruscarolo come quella del 2014?

st

Potrebbe interessarti anche:

Sversamento a Borzoli: 400 litri di cloruro di rame nel rio Ruscarolo